Cult emo darlings l’Anniversario festeggiare 20 anni dalla loro improvvisa ascesa e caduta

Nel gennaio 2000, come Sunny Day Real Estate e Get Up Kids guidarono la seconda ondata di Emo, un gruppo di cinque giovani adulti di Lawrence, Kansas, che si autodefinisce Anniversary pubblicò un debutto sorprendente. Costruito intorno alle chitarre duellato e alla voce di Josh Berwanger e Justin Roelofs e sostenuto dalle linee metiche Moog e dalle alte armonie vocali di Adrianne Verhoeven, Designing a Nervous Breakdown (Vagrant) ha guadagnato il quintetto un seguito di culto. Ampiamente considerato uno dei migliori album emo dell’epoca, l’LP è stato anche il loro ultimo in quello stile – il secondo e ultimo disco dell’Anniversario sagomato nel rock classico e nella psichedelia indie, con Moog sostituito da organo e pianoforte e i suoi riff aggressivi e ruggiti di angsty scambiato per Tom Petty twang e voce leggermente più sommessa. I conflitti interni hanno rotto l’anniversario nel 2004; nel 2016, meno Roelofs, si sono riuniti per un breve tour. Ora questi membri sono tornati per eseguire una manciata di spettacoli in due set in tutto il Midwest, con i loro primi set composti da Breakdown iniziare a finire e il secondo concentrarsi sul suo follow-up, Her Majesty (Vagrant, 2002). L’anniversario potrebbe non aver sperimentato una rinascita a livello di football americano, ma gli appassionati di emo hanno conferito un simile rispetto postumo nel loro primo album. Considerando la storia della band, questa potrebbe essere l’ultima volta per ascoltare le sue canzoni (e loro) dal vivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *